Amazon EFS: The AWS leadership continue

Amazon EFS: The AWS leadership continue

aws_efs

Durante l’ AWS Summit di San Francisco del 9 aprile, Andy Jessy, Senior Vice President di Amazon Web Service ha annunciato un nuovo servizio che costituirà l’ulteriore enorme distacco tra la leadership di AWS rispetto tutti gli altri Provider.

AWS Elastic File System

L’EFS è banalmente un NFSv4, un network file system versione 4, per mettere in condivisione files a varie istanze EC2. Sembra banale, ma realizzarlo in multi-tenant, scalabile sia in spazio di storage, sia in throughput, sia in Up che in Down, mantenendo la logica del paradigma del Cloud Computing; beh non è alla fine tanto banale.

Se poi consideriamo che è perfettamente integrato con tutti gli altri servizi di AWS, tra i quali l’importantissimo IAM (Identity Access Management), e che inoltre è altamente affidabile perchè i dati sono replicati su più AZs (Availability Zones) allora capiamo l’elevato livello di professionalità di un servizio tanto banale.

Aggiungiamo inoltre il costo, veramente irrisorio $0.30/GB-month

Pensate quanti clienti di AWS, quanti Solution Architect Consulenti di altrettanti clienti, hanno finora, per necessità, dovuto configurare su una istanza EC2, un NFS per condividere dati e files a più istanze EC2, magari webservers in autoscalabilità. Per necessità si intende, che magari non era economicamente conveniente modificare il SW soprastante per usare AWS S3.

Quindi ora i sistemisti, i consulenti, i solution architect, potranno sostituire le loro soluzioni (NFS on EC2 – Point of Failure) con questo, scalabile, performante, affidabile e più economico.

Pensate che la minima istanza EC2 (t2.micro) costa sui $9.36/month più lo spazio di storage di circa $0.10 per GB-month, capirete che il risparmio ed i vantaggi sono notevoli.

Da storico del Cloud Computing e per dovere di cronaca, dobbiamo però dire che AWS non è la prima a creare un NFS multi-tenant come servizio onDemand, il primo provider in assoluto era Nirvanix che però è fallita nell’ottobre 2013, ma un’altra aveva tra i suoi servizi un cloud storage NFS, GoGrid che dal gennaio 2015 è stata assorbita dalla Datapipe.

Quale sarà ora il destino di tutte quelle soluzioni NFS che sono nel Marketplace di AWS?

E quali opportunità invece possono nascere per player tipo Scality, che furono nostri sponsor al Cloud Camp del 2010, i quali magari possono cavalcare l’onda delle richieste dei Provider competitor di AWS che vorranno rapidamente offrire un servizio simile nel loro portafoglio si offerte onDemand.

 

Be Sociable, Share!

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *