Compellent storage virtualization: Live Volume

Compellent storage virtualization: Live Volume

Doveroso segnalare le soluzioni di storage virtualization a cui è arrivata la Compellent, società US del Minnesota che lavora nell’ambito di soluzioni storage di notevole spessore.

Acquisita da Dell per 960 M$ nel dicembre 2010.

Segnaliamo:

Live Volume

E’ come uno storage hypervisor, un volume mappato da due array allo stesso tempo. Questo consente di spostare volumi tra i sistemi in ottica di alta disponibilità ed accesso continuo ai dati. I dati non sono fisicamente legati ad alcun arrary in particolare o datacenter in particolare. Invece, ai volumi è possile accedere e/o essere condivisi da diverse locations, rendendo il Live Volume un fattore chiave per la virtualizzazione e il cloud.

Vantaggi del Live Volume:

  • Supporta thin provisioning automatizzato e Tiered Storage
  • Costa una frazione delle altre soluzioni, senza hardware aggiuntivo.
  • Funziona con hypervisor multipli, inclusi VMware vSphere, Microsoft Hyper-V e Citrix XenServer
  • Non impone alcun limite al numero di volumi che possono essere creati, condivisi, cancellati o aggiornati
  • Consente alle aziende di scalare i costi, considerando griglie di array come fossero una sola.
OnDemand WorkLoad Distribuition:
A nostro giudizio questa è una feature che porta enormi progressi ed innovazioni in molti ambiti.
Consente agli utenti di suddividere il workload tra array scaricare I / O da un sistema di storage ad un altro, senza interruzioni per le applicazioni.
Il carico di lavoro è distribuito in modo trasparente tra gli array, automaticamente il bilanciamento del traffico I / O e l’utilizzo dello storage per aumentare le prestazioni delle applicazioni con bassa latenza. Le applicazioni continuano a funzionare come di consueto durante il processo di migrazione del volume, e carico di lavoro viene trasferito da un
sistema a un altro senza impattare l’accesso ai dati. Tutto questo senza alcun impatto sulle risorse del server, per fornire la migliore configurazione per le prestazioni del datacenter.


Be Sociable, Share!

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *