Xen.org : Hypervisor nuova release 4.0

Per coloro che pensavano che il progetto opensource Xen stesse fermo o in agonia, eccoci alla release 4.0 dell’ hypervisor con grandissime novità. Descriveremo anche una serie di importanti notizie relativamente ai progetti Xen Client Initiative (XCI) e Xen Cloud Platform (XCP).

Le nuove features della versione 4.0 dell’ Hypervisor Xen sono:

  • Blktap2 – nuova implementazione del virtual hard disk (VHD) con maggior performance, snapshot e cloning.
  • Fault Tolerance – probabilmente un rilascio di uno studio che già citammo in un vecchio post relativamente al progetto kemari. Ora gli amministratori di sistema possono garantire un più alto grado di SLA. Chissà se ora Citrix abbandonerà Marathon per usare questa feature a costo zero?
  • Netchannel2 – Supporto per le nuove NIC con funzionalità SR-IOV e miglioramenti su throughput e scalabilità
  • Page Sharing – Solo per HVM Copy-on Write Sharing di identiche pagine di memoria tra le VMs
  • Libxenlight – Una nuova libreria C per il controllo di Xen
  • Kernel Support – PVOps Dom0 supportato. Fornisce la possibilità di selezionare recenti kernel linux che supportano i recenti device
  • Trascendent Memory – Nuovi algoritmi che migliorano le performance e capacità delle operazioni di memoria dell’ hypervisor. La memoria inutilizzata dalle VMs paravirtualizzate viene immediatamente ed efficacemente riallocata dove necessario. Ciò consente a più VMs di sharare pagine di memoria in comune riducendo il consumo.
  • PV-USB e VGA pass-through
  • 64 vcpus per VM e 1 TB RAM per l’host

La nuova versione può essere installata semplicemente scaricando un LiveCD dal sito Xen.org che ha parecchie features. Per gli interessati c’è un forum Italiano ufficiale su Xen.

Per capire la Xen Client Iniziative XCI riportiamo ad un vecchio post che parlava della roadmap alla versione 3.4. Un video demo fa comprendere la potenzialità di un hypervisor client bare-metal.

Il progetto Xen Cloud Platform XCP calvalca la rivoluzione ed ha i numeri per competere in quanto l’ Hypervisor Xen si stima abbia il 20% del mercato della virtualizzazione ed il 100% circa delle esistenti cloud infrastructure (Amazon EC2, RackSpace, GoGrid). Il progetto annunciato nell’agosto 2009 vuole creare una completa soluzione open che abilita gli altri progetti open source come Eucalyptus, OpenNebula, OpenXenCenter, Xen VNC Proxy, Convirture e Nimbus

Be Sociable, Share!

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *