NGI : Virtuo – Test di una VM e valutazione dell’offerta

NGI : Virtuo – Test di una VM e valutazione dell’offerta

Abbiamo iniziato a testare la soluzione Virtuo di NGI. Una piattaforma virtuale VMware Infrastructure 3 con hosts ESX 3 server, montati su blade HP ed IBM. Uno storage costituito da apparati Apple XServe Raid ed una ottima infrastruttura di rete ridondata costituita da switch Cisco e firewall Fortigate. NGI fornisce un accesso al server virtuale in maniera asincrona, si immagina mediante attivazione manuale della VM previa verifica del pagamento. La stranezza sta nel consentire l’accesso al server mediante Virtual Infrastructure Client direttamente al virtual center ed autenticazione con account di bassi privilegi, ma con la possibilità di poter vedere tutte le statistiche della VM.

Scelta strana sapendo che la piattaforma di accesso al Virtual Center mediante il Client nasce col solo scopo di amministrare l’infrastruttura virtuale e non per far accedere dei clienti anche considerando che il Virtual Center nella versione 2.0 ha i seguenti limiti:

50 cuncurrent clients
100 Hosts
2000 VMs

Parlando dei costi e delle performance, per i primi le configurazioni basse sono convenienti, mentre come si sale con CPU, RAM e soprattutto banda è più conveniente un server dedicato fisico.

Per le performance, abbiamo testato un windows 2003 ed è andato decisamente bene senza nessun problema, mentre due versioni di fedora 6 hanno dato problemi seri sui dischi, forse per qualche problema con manutenzioni mal programmate allo storage.

Be Sociable, Share!

Related Articles

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *